Facebook: Photo Stalker e Seegugio non funzionano più

Broken-Camera

(1 Settembre) NUOVO METODO: Infoplus, ecco la nuova applicazione per vedere le foto su facebook!

(31 Agosto 2009) AGGIORNAMENTO, leggi l’articolo: Il Canada ha bloccato Photo Stalker e Seegugio

Non se l’aspettava nessuno, ne gli autori di queste due applicazioni (ed altre simili) che da un giorno all’altro si sono dovuti scusare con gli utenti, ne gli utenti curiosoni che non possono più sbirciare le foto di chi non è tra i loro amici.

Photo Stalker e Seegugio han smesso di funzionare. Facebook ha cambiato le impostazioni e non permette più alle applicazioni l’accesso agli album pubblici.

Il tutto è successo il 16 Luglio, un cambiamento inaspettato e senza preavviso da parte degli sviluppatori. Da un giorno all’altro i quasi 200.000 utenti che usavano le applicazioni si sono trovati nella più totale confusione: le applicazioni infatti sono ancora presenti sul social network ma non possono far vedere le foto come promesso.

L’autore di Photo Stalker ha subito segnalato la cosa a Facebook riportando un bug dove spiega il problema tecnicamente (tentando un accesso agli album visibili a chiunque con una chiamata API, viene impedito l’accesso alla tabella degli album pubblici).

Facebook, nella persona di Julie Tung, ha chiuso il bug report, dicendo che non si tratta di un bug ma di un cambiamento nella privacy del social network.

Sgomento e frustrazione dagli utenti che si chiedono se seegugio e photo stalker riprenderanno a funzionare nuovamente o no.

La situazione attuale

Josh Carcione, ideatore di Photo Stalker, ha riaperto il bug a seguito dei vari commenti degli utenti che chiedono a Facebook di tornare alle vecchie impostazioni permettendo così alle applicazioni di funzionare.

Si aspetta adesso una risposta da parte di Facebook.

La vicenda è stata alimentata ulteriormente da un articolo pubblicato su repubblica.it che ha spinto migliaia di utenti a cercare le applicazioni su facebook.

Utenti tutti delusi, perchè arrivati troppo tardi (Repubblica ha pubblicato l’articolo il 18 Luglio, quando le applicazioni non funzionavano già da due giorni…)

Vi segnalerò ulteriori sviluppi in questo articolo.

Stay tuned.