Come portare Pandora e Hulu in Italia

collage    

A chiunque abbia vissuto negli Stati Uniti non saranno di certo passati inosservati questi due fantastici servizi. La frase che viene in mente quando si provano per la prima volta è sempre la stessa: “ma come ho fatto sino ad ora?” Hulu e Pandora sono due esempi del nuovo web, della condivisione, del web 2.0; due servizi straordinari che però sono solo limitati, per questioni di copyright, al solo territorio degli USA. E in Italia che facciamo?

Do una piccola introduzione ai servizi e poi passiamo al trucco del giorno.

Hulu è un servizio internet di video su richiesta che offre film e spettacoli televisivi in diretta, soprattutto di NBC e Fox. Episodi interi di oltre 400 serie televisive, in alta definizione e gratis. (maggiori info)

Pandora permette di creare delle stazioni radio virtuali partendo dall’inserimento di un brano o di un artista. Sfruttando l’algoritmo creato dal Music Genome Project per cercare brani simili a quello segnalato dall’utente, permette di dare un giudizio (positivo o negativo) ai brani trasmessi riproducendo quelli che possibilmente piacciono all’ascoltatore. (maggiori info)

In pratica con Hulu avete la migliore televisione e il miglior cinema online e con Pandora una fantastica radio che riproduce solo quello che piace a voi! Cosa volete di più dalla vita?!…Portarli in Italia! 😀

Come avere accesso ad Hulu e Pandora fuori dal territorio statunitense

Quel che abbiamo bisogno è connetterci usando una VPN, ovvero una Rete Virtuale Privata.

Le VPN creano un tunnel tra il computer italiano e un server virtuale (che a noi serve americano). Il traffico che riceveremo passera attraverso questo tunnel rendendo la nostra connessione “americana” , e scavalcando il blocco dei siti come hulu e pandora.

Di VPN gratuite ce ne sono diverse sul web; le più famose sono Hotspot Shield e UltraVPN , i cui proxy sono però stati bloccati da hulu e pandora perchè…il trucco è bello, ma dura poco.

L’unico modo per avere accesso, o almeno l’unico modo che ho trovato, è usare un servizio VPN a pagamento che vi assegna un indirizzo ip statunitense.

Ve ne segnalo alcuni:

  • VissVPN – 4.9$ al mese per un ip condiviso o 7.5$ per un ip dedicato
  • HideipVPN – 5.99$ al mese per un ip condiviso o 9.99$ per un ip dedicato
  • RapidVPN – 22.4$ per 2 mesi di ip dedicato

I prezi mi sembrano piuttosto abbordabili e dai commenti letti in giro sembra che i servizi funzionino a meraviglia. (non posso garantirvi perché non li ho provati, mi trovo in USA in questo momento e non ne ho bisogno 😛 )

Vi segnalo infine questo blog che segnala i trucchi per riuscire nell’intento gratis. (al momento i metodi proposti, però, non funzionano) : http://patricksoon.blogspot.com

fold-left fold-right
L'autore
Sono un curioso appassionato di informatica, nuove tecnologie e Social Media con una laurea in Economia e Marketing e un MSc in Development Economics. I blog sono da anni la mia passione, maggiori informazioni qui. Se ti fa piacere puoi seguirmi su Facebook: