Privacy Facebook: nuove impostazioni a breve

Facebook in una conferenza stampa ha annunciato una riforma delle impostazioni della privacy: gli utenti potranno scegliere se rimanere chiusi nella cerchia dei propri amici o far vedere i propri status a tutto il Web. Ecco qui il nuovo progetto presentato da Chris Kelly, responsabile dell’ufficio Privacy Facebook.

Per ogni contenuto pubblicato l’utente potrà scegliere il livello di privacy preferito. Ciò include anche gli status. Ma vediamo in dettaglio la presentazione:

Le nuove impostazioni, secondo Facebook, possono essere divise in 3 principi:

  1. Controllo
  2. Semplicità
  3. Connettività

fb-privacy-enhancements L’obbiettivo dell’azienda sarebbe quello di  realizzare una maggiore semplificazione di tutte le impostazioni relative alla privacy.

“In breve rimuoveremo le impostazioni ridondanti per ridurre la confusione e combinare i campi che sono simili. Riteniamo che quando gli strumenti sono semplici, le persone siano più facilitate ad utilizzarli e capirli. Abbiamo infatti compreso che troppe opzioni per la privacy possono confondere gli utenti, non facendo loro percepire esattamente cosa e con chi stanno condividendo le proprie informazioni personali”

1. Controllo

Secondo Facebook, quando le persone possono controllare l’audience, condividono più consapevolmente. Alcuni status sono più appropriati per un gruppo di utenti, altri per chiunque.

Facebook rimuoverà le reti regionali perché generano molta confusione e riducono il controllo dell’utente. “Gli utenti entravano in reti senza essere sicuri di chi ne facesse parte, circa il 50% degli utenti invece non entrava proprio.”

removing-regional-networks

2. Semplicità

Le nuove impostazioni saranno più semplici. L’utente potrà scegliere tra lo stesso set di impostazioni privacy per diversi tipi di contenuti. Inoltre verrà inserita un icona universale con un lucchetto(vedi immagine) in modo da fornire un controllo semplice e diretto all’utente.

Ci saranno 6 diverse pagine di impostazioni della privacy.

L’utente potrà:

  • condividere con tutti (con distinzione tra adulti e minorenni)
  • con dividere con amici e “reti autenticate”
  • condividere con amici di amici
  • condividere solo con amici
  • scegliere con chi condividere in modo personalizzato (ad esempio solo con alcuni amici)

3. Connettività

Il passaggio verso il nuovo sistema sarà gestito con molta attenzione per evitare fraintendimenti da parte degli utenti. Facebook metterà a disposizione sei diversi Transition Tool che consentiranno di selezionare il nuovo livello di riservatezza desiderato.

Facebook vuole assicurarsi che gli utenti capiscano perfettamente le nuove impostazioni.

timetable-rollout
Nelle prossime settimane il nuovo sistema verrà testato, prima negli Stati Uniti, su 40.000 iscritti, successivamente verrà esteso ad 80.000 e anche ad utenti al di fuori degli Stati Uniti, infine verrà lanciato a tutti.

Secondo gli esperti questo progetto porterà un  più ricco e più utile scambio di informazioni.

Se vi state chiedendo se le informazioni condivise con tutti verranno indicizzate dai motori di ricerca, la risposta di Facebook è:

“è certamente qualcosa sul quale abbiamo discusso, ma per il momento non sarà così.”

Conclusioni

Che dire, un ambizioso progetto. Sono tanto curioso di vederlo in pratica.

Gli status aperti a tutti, come da molti altri notato, sono più un avvicinamento a Twitter, il controllo della privacy per ogni contenuto è invece una novità interessante.

Spero solo che quando si parla di “semplificazione” ciò non comporti un minor controllo.

Sembra proprio una bella mossa a vantaggio degli utenti, ci starà la fregatura? Stay tuned.

[via:search-internetmarketing]

fold-left fold-right
L'autore
Sono un curioso appassionato di informatica, nuove tecnologie e Social Media con una laurea in Economia e Marketing e un MSc in Development Economics. I blog sono da anni la mia passione, maggiori informazioni qui. Se ti fa piacere puoi seguirmi su Facebook: