Qual è il tuo costo opportunità? Cura la tua immagine online!

facebook-addict

Mi scuso con tutti prima di cominciare. Questo è un articolo contro la maggior parte di voi; non prendetela male, cerco solo di darvi dei consigli; un giorno mi ringrazierete. 😛
Dunque..si parla oggi della vostra immagine online. Avete mai provato a cercare il vostro nome su google? Vi siete mai messi nei panni di un datore di lavoro che cerca informazioni su di voi? Cosa pensate ogni volta che guardate il vostro profilo sui social network?

Perchè ogni volta che uscite di casa state a prepararvi e farvi belli e invece su internet non controllate minimamente le vostre azioni?

Caso 1 – Pippo

Pippo, il nostro amato utente immaginario, è appena tornato a casa. Accende il computer e cosa fa?…ovviamente va su facebook. Gioca, condivide i risultati dei quiz, commenta e si diverte a modo suo. Inoltra le catene (da creduloni) ricevute dagli amici per email e si iscrive ai gruppi di “no facebook a pagamento nel 2010” e “come fare soldi con facebook, metodo sicuro”.

Inconsapevolmente regala la sua vita a facebook, anzi, non la regala: sta perdendo tempo, soldi e dignità. Sta perdendo opportunità online, opportunità di carriera, opportunità di usare il suo network di amici.

Un giorno Pippo dovrà cercarsi un lavoro e con gande sua sorpresa gli risulterà difficile. Non saprà da dove cominciare ne come muoversi; avrà 2000 “amici” (incompetenti ed ignoranti come lui) e si ritroverà solo a casa e disoccupato.

Caso 2 – Topolino

Topolino sa come curare la propria immagine online. Mentre stava per tornare a casa ha condiviso con il cellulare degli articoli interessanti appena letti. A casa accende il computer e segue una propria scaletta di attività su internet. Controlla il proprio profilo sui social network, aggiorna il curriculum online. Legge e risponde alle email, controlla e rimuove foto sue non professionali sul web, monitora i risultati del proprio nome su Google.

Sta sfruttando al massimo il proprio tempo. Sta costruendo un potente network di amici che giorno dopo giorno lo adorano sempre di più.

Giorno dopo giorno riceverà proposte di collaborazione, offerte di lavoro, avrà la possibilità di scegliere quel che vuole fare. Giorno dopo giorno sfrutterà sempre meglio ogni singolo minuto online.

Se un giorno vorrà cercare lavoro avrà la precedenza rispetto a Pippo, grazie alla sua immagine professionale online. Sarà un esperto in molti campi grazie alle informazioni ricevute da internet, capirà come funziona il nuovo web 2.0 e le aziende faranno a gara per averlo.

Immagine reale e immagine online

Qual è la differenza tra la tua immagine reale e quella creata online?

Non sto qui a dire che dovrebbero coincidere, ma quanto meno essere simili. La differenza tra i due casi descritti è enorme ma in fondo piccola. Nel secondo caso Topolino cerca di curare la propria immagine online, facendo attenzione a ciò che condivide e a come sfrutta il suo tempo online.

Una delle nozioni dell’economia che mi ha sempre affascinato è il costo opportunità:

Il costo opportunità in economia è il costo derivante dal mancato sfruttamento di una opportunità concessa al soggetto economico.

Tradotto legandolo al nostro dicorso: se in questo momento stai giocando su internet il tuo costo opportunità sono tutte quelle cose che potresti fare invece di giocare.

In poche parole il non curare la vostra immagine online ha un costo maggiore di quello che pensate; un costo nel presente, e un costo nel futuro per aver sprecato tempo in passato. 

Sto sclerando io o ho ragione?

fold-left fold-right
L'autore
Sono un curioso appassionato di informatica, nuove tecnologie e Social Media con una laurea in Economia e Marketing e un MSc in Development Economics. I blog sono da anni la mia passione, maggiori informazioni qui. Se ti fa piacere puoi seguirmi su Facebook:
  • Wow tra poco mi spuntano le orecchioni tondi e neri allora…ahahahah 😀

  • Ciao,
    sono molto d’accordo sulle affermazioni.
    Io facebook lo uso solo per accettare le richieste di amicizia, non ci ho mai perso tempo e mai butterò via del tempo per non concludere niente.

    Però non penso neanche che per farsi una buona reputazione bastino quelle operazioni che hai scritto…
    Tenere in ordine la pagina dei social e rispondere alla mail non basta…
    Bisogna fare qualcosa di più (blog, sito, progetti) per avere qualcosa da “far vedere” e qualcosa che aumenti la nostra reputazione.

    Non sapevo del costo opportunità!
    Complimenti per il post!

    Ciao!
    Andrea

  • Ciao Andrea,

    hai perfettamente ragione. Il mio voleva essere più uno sprono a cominciare.

    Avere un sito è il risultato finale di una bella immagine online. Dobbiamo però considerare che molti utenti non hanno le competenze necessarie per avere il proprio blog o sito.

    Ecco perchè avere almeno i profili organizzati online è un primo passo per distinguersi dalla massa.

    Grazie per i complimenti!

    😉

  • Il ragionamento è perfetto ed è per questo che molte persone hanno più account: da una parte quelli seri e dall’altra quelli del relax. Sicuramente anche Topolino ha bisogno di cazzeggiare, altrimenti sclera!:-) Complimenti per l’articolo, dovrebbe stare nei libri di scuola, dovresti raggiungere gli insegnanti, gli educatori, i genitori.

    • Ciao Fabiola,

      e come darti torto!
      Il segreto è trovare il giusto mix tra cazzeggio e professionalità.
      In fondo siamo umani! :=)

      Grazie mille per i complimenti!

  • Ma io non mi farei due account, già è complicato (per il tempo) tenerne uno!
    E poi un po’ di cazzeggio non fa male…
    E non è detto che deva rovinare l’immagine.
    In fondo siamo umani 🙂

  • Post un pò provocatorio ma (come tutti i post provocatori) basato su una profonda verità. Come si dice “il tempo è denaro”, basta saperlo sfruttare bene. Io devo dire che sono stato per molto tempo un utente “Pippo”, non molto attendo alla mia immagine virtuale. Da qualche tempo però sto cercando di lavorare seriamente, sto pian piano sistemando le mie pagine nei vari social network stando molto più attendo a sfruttarli in modo più “professionale”, sto cercando di eliminare dai motori di ricerca tutti i vari riferimenti alla mia persona che non seguo più (come ad esempio account o blog vecchi e abbandonati che non sono molti ma sono molto fastidiosi), facendo magari un redirect, quando possibile, al mio sito personale.Ovviamente come già anticipato un pò di cazzeggio è d’obbligo!

    • Ciao Nicola,

      grazie del commento.
      Tutti siamo ed eravamo Pippo, l’importante è rendersene conto. 😉
      In bocca al lupo!

  • Avete completamente ragione, anzi avrei anche approfittato di tale articolo per postarlo sul mio sito e sul mio blog sempre citando voi in quanto davvero ben fatto e davvero difficilmente modificabile. Spero che per la copiatura di tale articolo non ci siano problemi, perchè nel caso in cui vi fossero sono pronto a rimuoverlo.

  • Ciao ago90,

    grazie. Riguardo alla copiatura del post devo chiederti di toglierlo…non perchè voglio l’esclusiva 🙂 , ma per una questione di SEO. A Google infatti non piace vedere contenuti duplicati sul web.

    Se vuoi inserirlo sul tuo forum copia solo le prime 3-4 righe del post e aggiungi successivamente un link all’articolo originale.

    Grazie mille 😉

  • Pingback: Privacy, Wikileaks, TV, Report e Social Network | Splesh!web - consigli e trucchi dal web()