P2P anonimo, è possibile? Si chiama I2P!

Il peer to peer è da tempo usato dalla maggior parte degli utenti, tutti lo conoscono, ma non tutti sono a conoscenza dei rischi. L’immagine del “mulo” non è messa a caso, dato che la maggioranza di voi utilizza il conosciutissimo software Emule.

Ma scaricare con Emule (tralasciando il lato legale) è sicuro? A me non è mai piaciuto…ecco perchè ho sempre optato per altri sistemi con maggior sicurezza ed efficienza (magari ne parleremo in un altro post).

Casi come quello successo poco tempo fa in cui la casa discografica Peppermint tracciò e denunciò gli utenti non sono belli e fanno riflettere. Ecco allora la domanda: è possibile far in modo di non essere spiati, ovvero scaricare in modo anonimo?

Certo che si! Per questo viene in nostro aiuto l’ I2P, meglio conosciuto come “P2P Anonimo”, il quale, attraverso software specifici, protegge la nostra privacy, nascondendo l’ IP, adottando reti di scambio hoc e particolari algoritmi di cifratura dati.
In questi anni, alcuni progetti riguardanti questo argomento, non sono stati portati a termine, altri invece sono in fase di sviluppo, anche perché esso interessa a molti utenti Internet.

Oggi, vi presento 5 ottimi software I2P che ci permettono di condividere file senza essere controllati; vediamoli insieme.

  1. Il primo di questi, è sicuramente iMule, una versione particolare di emule che non utilizza la rete eD2k, ma soltanto la Kademlia (KAD), e una nuova, specifica per il P2P Anonimo: I2P.
  2. Il secondo di questi è Mute, creato da Jason Rohner. Esso usa una rete propria dal nome dello stesso programma: Mute. Questo possiede inoltre dei metodi di crittografia come RSA e AES. Praticamente grazie a Mute, vengono assegnati degli IP virtuali ad ogni nodo.
  3. Proseguo citandovi StealthNet. Questo è un software Open Suorce (a codice aperto).
    Esso inoltre fa uso della rete Rshare.
  4. Il quarto invece è Zultrax, disponibile sia in versione Freeware che in quella Pro (a pagamento). Questo software oltre alla rete Gnutella, utilizza anche un network proprietario, nonché ZEPP. Zultrax, è un progetto a “sorgente chiusa”.
  5. Per finire, voglio proporvi ANts P2P, progetto italiano sviluppato in Java e facente uso di una rete propria: ANts. I dati vengono cifrati anche qui tramite AES e il trasferimento dei file avviene su collegamenti indiretti.

fold-left fold-right
L'autore
Sono un curioso appassionato di informatica, nuove tecnologie e Social Media con una laurea in Economia e Marketing e un MSc in Development Economics. I blog sono da anni la mia passione, maggiori informazioni qui. Se ti fa piacere puoi seguirmi su Facebook: