Cosa sono, come funzionano e a cosa servono i DNS

dns

Scrivo questo articolo dopo una piccola avventura avuta con la telecom… Poche settimane fa il blog è stato irraggiungibile per 2 giorni e, per buona parte di questo tempo, è risultato visibile da alcuni provider e non visibile da tutti gli altri, tra i quali alice telecom. Notando l’accaduto ho chiamato l’assistenza tecnica al 187 spiegando fosse un problema di dns. Ecco una trascrizione della chiamata:


/—inizio conversazione—/

Operatore: buonasera sono **** come posso esserle utile?

Io: salve, da più giorni riscontro problemi di accesso ad un sito internet e credo sia un problema di DSN. Infatti da altri provider, esempio Fastweb, il sito risulta accessibile.

Operatore: cosa scusi? Non ho capito.

Io: in poche parole vorrei sapere se siete a conoscenza di problemi sui vostri indirizzi DNS.

Operatore: dns? guardi io sono un semplice tecnico, se lei parla sofisticato non posso aiutarla. Andiamo piano; allora…il modem è acceso?

Io: … O.o …

/—fine conversazione—/

Per fortuna il problema si rivelò di diversa natura, e ridendoci su vediamo adesso:

Cosa sono, come funzionano e a cosa servono i DNS

server-dns 

Domain Name System (spesso indicato con DNS) è un sistema utilizzato per la risoluzione di nomi di host in indirizzi IP e viceversa. Il servizio è realizzato tramite un database distribuito, costituito dai server DNS.

I nomi DNS, o "nomi di dominio", sono una delle caratteristiche più visibili di Internet. L’operazione di convertire un nome in un indirizzo è detta risoluzione DNS. [Wikipedia]

In pratica a qualsiasi indirizzo internet è associato un inidirizzo IP: quando digitiamo www.google.it il conmputer interroga il database DNS e riceve l’indirizzo ip. (i nomi dei domini sono infatti stati creati solo per rendere facile il ricordo degli stessi – immagginate se dovessimo ricordare un indirizzo ip per ogni sito internet).  Volete provare? Aprite il terminale e digitate “ping www.google.it” ; vi comparirà l’indirizzo IP (74.125.19.99). 

Questi elenchi telefonici di internet chiamati DNS servono dunque a tradurre i nomi di dominio in indirizzi IP.

dns2 La risoluzione dei DSN è mostrata nell’immagine qui in alto. Quando un computer punta un sito, il nome del dominio viene prima cercato nella cache locale; se non viene trovato allora viene interrogato l’HOST; se neanche l’host ha informazioni sul dominio viene interrogato il server DNS.

Cosa significa?

Significa che a volte il non raggiungere un sito internet potrebbe essere un problema di cache locale o di host. Per risolvere problemi di questo genere potrebbe essere necessario (ed è buona abitudine una volta tanto) svuotare la cache DNS.

Come svuotare la cache DNS?

Windows

  • Aprire il prompt dei comandi : Start->esegui-> cmd
  • Digitare ipconfig /flushdns

Linux (bisogna riavviare il servizio nscd daemon)

  • Aprire il terminale e digitare /etc/rc.d/init.d/nscd restart
  • Questo comando riavvia il servizio nscd daemon e svuota la cache DNS automaticamente.

Mac OS X Leopard

  • Aprite il terminale e digitate lookupd -flushcache.

Mac OS X

  • Aprite il terminale e digitate dscacheutil -flushcache.                           [via hacktrix]

Open DNS

OpenDNS

OpenDNS è un servizio che offre liberamente i propri DNS. Sono messi a disposizione i seguenti indirizzi per un uso pubblico:

  • 208.67.222.222 (Resolver1.OpenDNS.com)
  • 208.67.220.220 (Resolver2.OpenDNS.com)
Questo rende possibile svincolarsi dall’utilizzo dei DNS del proprio provider e superare eventuali blocchi o controlli sul traffico internet e i suoi contenuti imposti da governi o enti militari.

Seguite le istruzioni a questo link per impostare gli indirizzi correttamente.

fold-left fold-right
L'autore
Sono un curioso appassionato di informatica, nuove tecnologie e Social Media con una laurea in Economia e Marketing e un MSc in Development Economics. I blog sono da anni la mia passione, maggiori informazioni qui. Se ti fa piacere puoi seguirmi su Facebook: