Sullo store di Apple raggiunte le 10000 applicazioni

E’ inutile negarlo. Apple ha definito un nuovo modello di business basato sulla vendita legale di musica e applicazioni per dispositivi mobili. Con i suoi iPod Touch e iPhone, abbinati ad uno store funzionale e facilissimo da usare (due click o due “tocchi” e l’acquisto è effettuato) stanno muovendo un sistema che gli fornisce grandi introiti e allo stesso tempo crea nuovi posti di lavoro. La richiesta di programmatori per iPhone infatti è salita enormemente negli ultimi mesi ed il numero sembra destinato a salire visto che le applicazioni sullo store in poco più di un anno hanno raggiunto le 10000 unità.

C’è da chiedersi se questo non possa essere solo “un fuoco di paglia” destinato a bruciarsi. Io credo di no. Basta pensare a come Apple si stia rinnovando, definendo un settore dedicato allo sviluppo del suo telefono come per i Mac (con a capo Scott Forstall).

E poi c’è da dire che la tendenza degli altri produttori di terminali sembra proprio una rincorsa al melafonino e anche al suo modello di business, basti pensare al Nokia 5800 XpressMusic o al miglioramento dell’interfaccia  grafica di WinMobile da parte di HTC con il suo touchFlo.

Ma lo sviluppo in italia di applicazioni per iPhone come procede? Sono poche le aziende che stanno sfruttando il momento, probabilmente di più sono i giovani liberi professionisti che hanno pubblicato loro piccoli lavori sullo store. Sta di fatto che ancora nessun grande progetto commerciale in italia  è stato lanciato…e con la creatività degli italiani, possibile che nessuno ancora veda le possibilità economiche di questo business?
Voi sapete di progetti italiani a riguardo?

fold-left fold-right
L'autore
Esperto di web design, pro blogger, grafica multimediale e comunicazione aziendale, lavora attualmente nell settore di sviluppo software d'interfaccia uomo/macchina. Leggi i miei articoli su DigitalArt, il canale di Splesh! dedicato alla grafica e web design.