Archivio per maggio, 2010

LipDub – la nuova moda delle università

lipdub

Avete mai sognato di organizzare o partecipare ad un video virale? L’avvento dei social network e delle condivisioni di video e contenuti sul web ha creato questi nuovi sogni: idee geniali che spopolano sul web a ritmi da paura; idee realizzabili con un budget minimo, tanta creatività e un divertimento unico nel suo genere.

Parliamo oggi dei LipDub, un fenomeno che va in voga tra le migliori università del mondo. Il nome viene dall’inglese “Lip Dubbing” ovvero doppiaggio labiale e si riferisce al doppiare un brano, cantarlo in playback. Tutto ciò che occorre è una telecamera, un brano di sottofondo, un centinaio di studenti e tanta, tanta fantasia.

Ecco una serie di LipDub pescati dalla rete, li ho classificati secondo i miei gusti ma sono tutti estremamente fantastici e ti fanno venir voglia di cantare, ballare e dubbare!

Continua…

Come navigare anonimi

anonimato

L’anonimato è una condizione fondamentale per la libertà di espressione sul web. Navigare anonimi non è illegale, è invece un diritto, il diritto di non far conoscere agli altri la nostra identità, di salvaguardare la nostra privacy online.

Fino a pochi anni fa su internet era frequente l’uso di pseudonimi (nickname) e di avatar per nascondere la propria identità; necessario ma non sufficiente a garantire il proprio anonimato. Ultimamente la tendenza va in senso opposto: all’uso del nick o username si va diffondendo l’uso del reale Nome e Cognome (esempio lampante Facebook); e l’avatar è stato sostituito dalla reale foto dell’utente (immagine del profilo).

Oggi navigare senza lasciare tracce è diventato sempre più difficile. Vediamo subito come fare.

Continua…

ReclaimPrivacy: controlla la tua privacy su Facebook

ReclaimPrivacy

Un progetto open source, un tool in javascript, un’idea bellissima per diffondere una consapevolezza dovuta: quella di impostare correttamente la privacy sul social network ultimamente un po’ troppo sociale.

ReclaimPrivacy, un nome una garanzia, è un nuovo strumento che controlla la tua privacy su Facebook e e ti guida nelle corrette impostazioni. Nessun dato da inserire, nessun lungo procedimento da seguire. ReclaimPrivacy ti segue passo passo.

Continua…

Facebook: attenti agli aggiornamenti di stato pubblici

facebook amici

Le ultime modifiche riguardo alla privacy su Facebook hanno introdotto, come ricorderete, la possibilità di scegliere il livello di privacy per ogni contenuto pubblicato. Aggiornamenti di stato, link, foto e media possono essere indirizzati ad un utente, a più utenti, ad una o più liste di amici o al mondo intero ovvero a chiunque.

Proprio quest’ultima opzione sta creando non pochi problemi in campo privacy. I contenuti visibili a tutti cominciano infatti ad essere raccolti sia da siti internet, sia da agenzie di marketing, sia dallo stesso Facebook. Vediamo adesso alcuni esempi, successivamente vi spiego come controllare le impostazioni sulla privacy in modo da stare tranquilli e proteggere i vostri contenuti.

Continua…

Creare suonerie per iPhone in 3 passaggi

iphone-risorse-recensioni-tips-tricks

L’iPhone non è un telefono comune, e di conseguenza le operazioni che di solito effettuiamo con i comuni cellulari non sono normalmente possibili sul melafonino. Così se pensavate di poter ricevere un file mp3 da un vostro amico o inviarvelo tramite il vostro computer e impostarlo come suoneria rimarrete delusi, non è così semplice.

Se vi state chiedendo perché non sia possibile impostare un file mp3 come suoneria la risposta sta nell’iTunes store. La Apple tende a vendere sia i brani sia le suonerie, ma non disperate, vi spiegherò adesso come creare suonerie partendo dai vostri file mp3. 

Sul web girano tanti articoli che spiegano come creare suonerie per iPhone da iTunes, un procedimento lungo e articolato; vi segnalo invece qui alcuni siti che vi permettono di creare la suoneria in 3 semplici passaggi.

Continua…

Trucchi: accedere ai contenuti disponibili solo ad utenti registrati

Trucchi: accedere ai contenuti disponibili solo ad utenti registrati

Quante volte vi siete trovati di fronte ad una schermata come questa? Avete fatto una ricerca su Google e cliccando sul risultato non potete visualizzare il contenuto.

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti registrati; effettua il login o registrati subito!

Altre volte bisogna pagare per visualizzare il contenuto, o completare una serie di sondaggi senza fine. Nel primo caso vi ho già dato una soluzione, ossia registrarsi utilizzando delle mail temporanee; in questo modo proteggiamo la privacy e ci teniamo al riparo da spam ed e-mail non desiderate.

Vediamo adesso alcuni trucchi per accedere, nella maggior parte dei casi, ai contenuti accessibili solo agli utenti registrati…senza registrarci!

Continua…

Diventa poeta e compositore con Dante, il Trova Rime

dante_alighieri

Quante volte vi sarà capitato di stare ore e ore a cercare delle rime per una poesia, una canzone o una filastrocca? Trovare le rime richiede tempo e un lessico avanzato. Ad alleggerire il lavoro ci pensa Dante, il Trova Rime; un piccolo programmino gratuito per Windows che caricando un dizionario di termini trova le possibili rime da una data parola.

Continua…

Waze, il navigatore satellitare sociale

La caratteristica più bella dell’iPhone, è probabilmente la sua capacità di adattarsi a qualunque cosa si possa aver bisogno: telefonate, contatti, calendario, web, gaming, utility di ogni genere e come vedrai in questo articolo la navigazione GPS. Vi sono molte app per la navigazione GPS, tra cui i famosi TomTom e Navigon che sono ovviamente di un ottimo livello, ma a tale livello corrisponde un alto prezzo (se non ricordo male non vanno sotto le 69 euro). Vi sono poi app più economiche come Ndrive e poi c’è Waze, che è gratuito e disponibile per ogni piattaforma mobile: iPhone, Android, WinMobile e Symbian.

La prima volta che ne ho sentito parlare, ho pensato “un navigatore gratis? Farà schifo…” e non l’ho neanche provato, ma poi spinto da un collega ho voluto approfondire e ho dovuto ricredermi.

Continua…

Le iene, gli hacker e la sicurezza

hacker-wifi

Mercoledì 7 Aprile è andato in onda su Italia 1 un servizio della iena Toffa intitolato “Il pericolo Hacker”. Il servizio mostrava un giovane che in pochi passi riusciva a prendere il controllo di un pc e rubare password e dati personali. Il giovane si autodefinisce un hacker, ovvero colui che ha il desiderio di accedere a informazioni che non sono libere e molto spesso non sa neanche dell’esistenza dei dati che “preleva”; colui che spesso non attacca la rete per scopo di lucro ma per il gusto di superare barriere informatiche.

A parte che queste definizioni se l’è inventate di sana pianta (il concetto di hacker è ben più profondo, forse voleva parlare di cracker o lamer), da queste e dalle altre frasi si evince una parziale infantilità del giovane. Dico parziale perché molte delle cose che dice sono vere, ma quando comincia la dimostrazione tutto viene fatto sembrare semplicissimo e banale!

Continua…